Viaggio Nel Mondo

Kastellorizo

isole Dodecaneso - Kastellorizo

© Carmine Savarese

La maggior parte degli Italiani ha probabilmente visto Kastellorizo, anche se non dal vivo. Forse senza saperlo. Su quest’isoletta piccola e silenziosa, totalmente ignorata dal turismo di massa, è infatti girato il film Mediterraneo, di Gabriele Salvatores, trionfatore agli Oscar 1992.

Si trova a circa un chilometro dalle coste della Turchia e nell’antichità si chiamava Megisti. Poi vennero i Romani e, soprattutto, i Veneziani nel Medioevo. La chiamarono Castellorosso, questa piccola isola, per gli scogli e le rocce rossastre che la contraddistinguono nel suo aspetto brullo e montuoso. Oggi Kastellorizo è un paradiso perduto tra le acque cristalline dell’Egeo, un luogo meraviglioso, totalmente fuori dal mondo. Un tempo isola gloriosa e fortemente popolata, dopo le tragedie della Seconda Guerra Mondiale è rimasta in stato quasi di abbandono, abitata da poche centinaia di persone, un piccolo popolo povero ma sereno, che ci accoglie in una terra non facile, un’oasi di silenzio dai ritmi di una vita lenta e dura, dalla bellezza antica e aspra visibile in ogni incontro delle sue sponde rocciose con i colori turchesi dell’Egeo.

Cosa vedere a Kastellorizo

Un unico villaggio dall’inverosimile atmosfera di abbandono, fermi nel tempo e legati fortemente alla loro identità e alle tradizioni millenarie che l’hanno sostenuta. Caratteristiche e pittoresche le case verniciate di colori brillanti che richiamano i costumi decorativi bizantini e turchi. La cittadina è silenziosissima e dalla vita notturna pressoché inesistente. Solo un paio di osterie ad accompagnare i nostri pensieri con un bicchiere di vino la sera e un caffè greco appena svegli. Meritano una visita il museo del folklore, le due piccole chiese di Agios Constantinos e Agios Nikolas, e soprattutto il castello dei Cavalieri di Rodi, costruito nel Trediciesimo secolo, che domina la cittadina. Ancora visitabili le rovine del Bagno Turco e le cisterne dell’acqua piovana costruite dai coloni islamici.

Le spiagge

Sulle coste rocciose e frastagliate di Kastellorizo non ci sono vere e proprie spiagge, ma più che altro piccolissime, minuscole cale, piccoli spazi fra le interminabili scogliere, da cui comunque è facilissimo ed estremamente piacevole gettarsi nelle acque indisturbate ed incontaminate. Inutile indicare questo o quello scorcio. In quest’isola priva di strade, sarà compito vostro esplorare la costa e trovare, a piedi, il vostro angolo di indisturbato paradiso.

Dove dormire

» Hotel a Kastellorizo

,