Viaggio Nel Mondo

Lipsi

isole Dodecaneso - Lipsi

© Nat Pittman

Piccola e luminosa isola dall’aspetto brullo, Lipsi vive di ritmi lenti e rilassati, di cieli limpidi e mare calmo. Isolata, rocciosa, silenziosa e spoglia. Un luogo per gli amanti del relax e della fuga dalla frenesia. A pochissima distanza da Patmos, è per lo più meta di chi soggiorna nella più grande e vicina isola e vuole concedersi un bagno di tranquillità in una splendida isoletta.

E’ una meta curiosa, Lipsi, da intenditori. Vita notturna praticamente inesistente, villaggi in gran parte ancora agricoli e poche attrezzature turistiche. Ignorata dalle masse e dai tour operators, Lipsi non è comunque priva di motivi per essere amata e frequentata. Si tratta di un esempio di turismo ecosostenibile, inventato da abitanti gelosi della bellezza aspra e asciutta della loro isola e della genuinità del loro stile di vita povero ma dignitoso. Sull’isola moltissimi prodotti tipici serviti nelle botteghe e nelle taverne, dall’olio ai pomodorini, fino al miele e alle tante specialità di pesce. Un mare cristallino incornicia un’isola che vende silenzio, romantico isolamento, solitaria meditazione ai suoi visitatori forse un po’ fuori dal mondo, ma che sapranno apprezzare il meraviglioso nulla che quest’isola ha da offrire.

Lipsi città

L’unico villaggio dell’isola è il suo piccolo e omonimo porto. Cittadina di dimensioni ridotte, con le barche dei pescatori coloatissime attraccate. Un bar e una taverna ospitali, poche case e poche vie, nessun monumento. Lipsi è una visita breve, ma che rischia di rimanervi impressa. Un’immersione in un modello di vita scomparso, quasi inverosimile per gli standard del vivere moderno. Un’esperienza interessante in mezzo a gente genuina accogliente.

Le spiagge

Belle. Non dei paradisi in terra, come può capitare di incontrarne su altre isole di Grecia. Ma belle. Il valore aggiunto è ovviamente l’assoluta pace e tranquillità. Il mare è il solito meraviglioso Egeo, che si infrange sulle belle coste di Lendou, vicinissima al porto, e Platy Giatos, appena più distante.
A Monodendri si danno appuntamento spesso i nudisti, sfruttando l’intimità dell’isola. La più bella è Kambos, di una sabbia strana, grossolana, appena più sottile di un ghiaietto.

,